• Die italienische, portugiesische, brasilianische & spanische Buchhandlung in Berlin
  • Die italienische, portugiesische, brasilianische & spanische Buchhandlung in Berlin
26.08.2021 | 19:30 Uhr | Presentazione "Il bambino che disegnava le ombre" con Oriana Ramunno

26.08.2021 | 19:30 Uhr | Presentazione "Il bambino che disegnava le ombre" con Oriana Ramunno

Beschreibung

Oriana Ramunno presenta “Il bambino che disegnava le ombre”, (Rizzoli, 2021)

Moderazione: Edda Biasia

Lettura: Adriana Ortolani

Quando Hugo Fischer arriva ad Auschwitz è il 23 dicembre del 1943, nevica e il Blocco 10 appare più spettrale del solito. Lui è l’investigatore di punta della Kriminalpolizei e nasconde un segreto che lo rende dipendente dalla morfina. È stato chiamato nel campo per scoprire chi ha assassinato Sigismud Braun, un pediatra che lavorava a stretto contatto con Josef Mengele durante i suoi esperimenti con i gemelli, ma non ha idea di quello che sta per affrontare. A Berlino infatti si sa ben poco di quello che succede nei campi di concentramento e lui non è pronto a fare i conti con gli orrori che vengono perpetrati oltre il filo spinato.

recensione


Oriana Ramunno è originaria di Rionero in Vulture ma vive a Berlino. Ha pubblicato racconti per Il Giallo Mondadori, Writers Magazine Italia e Delos Digital. Ha vinto numerosi concorsi ed è arrivata finalista al premio Alberto Tedeschi e al premio Il Battello a Vapore. Nel 2018 ha partecipato alla raccolta Amori malati del Giallo Mondadori con il romanzo l’Amore Malato. A marzo 2021 ha esordito in libreria con Rizzoli con il thriller Il bambino che disegnava le ombre, tradotto anche da HarperCollins UK per il mercato anglosassone.


Ingresso massimo 25 persone - Prenotazione info@mondolibro.de

Per partecipare si prega il gentile pubblico di presentare un test negativo oppure una certificazione scritta che attesti la vaccinazione o la guarigione.


Aufgrund der aktuellen Corona-Auflagen können wir nur maximal 25 Leute zu unseren Lesungen zulassen. Alle Teilnehmer*innen müssen entweder einen negativen Coronatest vorweisen oder vollständig geimpft oder genesen sein. Zur Kontaktnachverfolgung müssen wir Kontaktdaten von allen Besucher*innen aufnehmen.